Ascolta la versione audio:

o Scarica la versione mp3 «

Pecetto di Valenza

MACROZONA DI VALENZA

cap 15040
indirizzo: piazza italia, 1
telefono: +39 0131 940121
indirizzo di posta elettronica: pecetto.di.valenza@reteunitaria.piemonte.it
sito internet: www.comune.pecettodivalenza.al.it
popolazione: 1270
altitudine: mt. 212
tipologia: collina

Storia


Centro agricolo con una produzione in particolare di uva e frumento, da qualche anno integrata dall’insediamento di numerosi laboratori orafi, sorge all’estremo margine orientale del basso Monferrato, su uno sprone collinare digradante verso la sponda destra del Po, nel quale poco più a valle confluisce il fiume Tanaro. Oltre al concentrico è presente una frazione: Pellizzari. Pecetto è l’antica Pecetum Valentinum di origine romana. Gli scavi archeologici ne hanno confermato l’importanza e sono certamente risalenti a quell’epoca i resti di mura romane rinvenute nei dintorni del paese mentre, in località Pellizzari, è stato ritrovato il selciato di una strada romana.

Turismo attivo


Percorsi segnalati, con cartellonistica CAI, che permettono di raggiungere i paesi limitrofi a Pecetto ed il collegamento, a livello collinare, con la sentieristica del Parco del Po.

Cosa vedere


La Parrocchiale di S. Maria e S. Remigio eretta nel 1738 in stile barocco lombardo conserva altari marmorei e due statue lignee del 600 raffiguranti la Vergine. Il settecentesco Palazzo del Questore, con rimaneggiamenti manieristici. La Confraternita della SS. Trinità, chiesa in stile barocco del 1765. Il monumento in marmo a Giuseppe Borsalino dello scultore Luigi Contratti eretto nel 1920 sulla piazza centrale. La Certosa esemplare di architettura prerinascimentale con un ampio portico sostenuto da colonne di granito toscano.
Stupendo Crocifisso a grandezza naturale in tiglio, opera scultorea del tardo 1200, esposto nell’arco trionfale del Presbiterio maggiore.
Sono state scoperte importanti vestigia romane ed un grande capitello corinzio databile I° secolo A.C. Centro Comunale di Cultura Giuseppe Borsalino ricavato nei locali ristrutturati della ex Cantina Sociale (la prima in Piamente costruita nel 1902) sede del Museo Borsalino, Biblioteca Comunale, Emeroteca, Auditorium.
Bar/ristorante letterario “Tanto di cappello” presso il Centro Comunale Giuseppe Borsalino.
“Casa di Licia”, canile sanitario rifugio con all’interno percorso odoroso “Sentiero dei sensi” composto da 3 filari di piante autoctone differenti per Tesitura della corteccia, profumo e stormire delle fronde; possibilità di pet therapy con personale qualificato; addestramento cani con difficoltà comportamentali e spazio per orticultura e giardinaggio.
Rocca Comunale “Castello dei Corti”, con orto botanico con specie autoctone del Monferrato, compreso nel n. 37 del Manuale del “Centro di interpretazione del paesaggio del Po” con percorso Astronomico e punto di osservazione degli Astrofili.

Cosa gustare


Gli agnolotti di stufato alla piemontese in occasione della “Sagra dell’Agnolotto” ed il vino Rosso Piemonte DOC.